-

siti web

lunedì 6 gennaio 2014

GALETTE DES ROIS.... L'EPIPHANIE-EPIFANIA ;-)

Salut à tous,
Oggi è la Befana ovvero l'Epiphanie... In Francia si mangia la Galette des Rois (in onore dei Re Magi). Ce ne sono di diversi tipi come una brioche oppure una sfoglia con la crema alle mandorle chiamata Frangipane. Poi con il passare degli anni si sono veramente modernizzate e potete trovare delle Galette di tutti i gusti. Io rimango tradizionale e ogni anno preparo la Galette con la crema alle mandorle che è quella che piace di più a casa mia.
Praticamente, si mangia questa Galette e la cosa divertente è che in una delle fette c'è una Fève (una statuina di ceramica, porcellana o di plastica) e chi trova questa statuina è il Re o la Regina. Vengono vendute nei negozi con una corona di carta.
Aujourd'hui c'est l'Epiphanie... En France, on mange la Galette des Rosi (en honneur aux Rois Mages). Il en existe de plusieurs genre comme la brioche ou la feuilletée fourrée à la frangipane. Et puis au fil des années, on a pu trouver des Galettes de tous genres. Moi je reste traditionnelle et je prépare chaque année la Galette à la frangipane car c'est celle qui plait le plus chez moi.
Ce qui est amusant c'est dans une des parts il y a une fève (une petite statue en porcelaine ou plastique) et celui qui trouve cette petite statue devient le Roi ou la Reine. Et les galettes sont vendues dans les magasins avec una couronne en carton.




INGREDIENTI:

  • 2 cerchi di pasta sfoglia / 2 cercles de pate feuilletée
  • 2 uova / 2 oeufs
  • 120 gr di burro morbido / 120 gr de beurre mou
  • 120 gr di zucchero / 120 gr de sucre
  • 120 gr di mandorle in polvere (farina di mandorla) / 120 gr de poudre d'amandes.

Mescolate il burro fuso con lo zucchero fino ad avere un composto cremoso, aggiungete le due uova e le mandorle. Mescolate tutto velocemente.
Mettete uno dei due cerchi di pasta sfoglia su una teglia con carta da forno, versate la crema lasciando liberi due cm circa sul bordo, nascondete la Fève!!
Mélangez le beurre ramolli avec le sucre jusqu'à ce que vous opteniez un mélange crémeux et ajoutez les deux oeufs et les amandes. Mélangez le tout rapidement.
Mettre un des deux cercles sur la plaque avec le papier sulfurisé et versez la crème en laissant un espace de 2 cm environ au bord et cachez la fève!!!



Coprite con l'altro cerchio e sigillate bene i bordi con acqua (io ho arrotolato un po' il bordo).
Per non fare gonfiare troppo la sfoglia, vi consiglio di fare un piccolo buco al centro e potete fare dei disegni sopra.
Recouvrez avec l'autre cercle et scellez bien les bords avec de l'eau (moi j'ai enroulé un peu le bord).
Pou ne pas faire gonfler la pate, faites un petit trou au milieu et vous pouvez faire des dessins.
Con il pennello passate un po' di uovo battuto.
Passez un peu d'oeuf dessus.
















Mettete al forno a 170°C per circa 30/40 minuti. Controllate che la pasta sia dorata.
Metrez au four à 170 °C pendant environ 30/40 minutes. Controlez quand la pate est dorée.
E' buona sempre però se volete proprio gustarla mangiatela tiepida.
Elle est tujours bonne mais elle est meilleure si vous la mangez tiède.




Io sono abituata a mangiarla con un bel bicchiere di Sidro Francese (le cidre doux).
Moi, je suis habituée à la manger avec un bon verre de cidre doux.

















Quest'anno mio figlio non ha trovato la Fève, sarà per l'anno prossimo. ;-)
Cette année mon fils n'a pas trouvé la fève, ce sera pour l'année prochaine... ;-)

Buona Epifania a tutti e à la prochaine!

15 commenti:

  1. Questo dolce sarà veramente delizioso. Adoro le mandorle e quella cremina sarà buonissima! Carinissima la storia delle statuine. Un dolce che si mangia con tanta allegria! bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  2. Ah però che bella ricetta ideale per la festa della Befana. Bravissima credo che ti ruberò la ricetta

    RispondiElimina
  3. che ricetta originale e che forte la storia della statuina, penso che un giorno la proverò, grazie

    RispondiElimina
  4. hai fatto un gran lavoro, dalle foto si evince la buona qualita' della tua opera, un grosso buon appetito a questo punto!

    by nik ryuk celentano.

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questa ricetta!! sSembra davvero buona! Da provare!

    RispondiElimina
  6. mamma mia che bontà che deve essere questo dolce..è la prima volta che ne sento parlare ma credimi ho l'acquolina in bocca , deve essere anche molto goloso..una fetta me la mangerei molto volentieri...bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. che bontà, non l'ho mai provata devo proprio provare a farla

    RispondiElimina
  8. molto bella la storia, questo dolce deve essere molto buono, non lo avevo mai mangiato!!bravissima

    RispondiElimina
  9. Questo dolce l'ho mangiato nel sud della Francia. E' veramente buono. Nella tradizione contadina francese, quando non si ha a disposizione la statuetta del re si mette dentro una nocciola o una piccola noce. Proverò a prepararlo anch'io

    RispondiElimina
  10. ma che buono, poi vedo che è anche abbastanza semplice da realizzare...credo proprio mi cimenterò anch'io, ora mi appunto la ricetta!

    RispondiElimina
  11. Mi piace conoscere le tradizioni culinarie di altre regioni o paesi, questa francese mi è nuova e credo sia molto raffinata e delicata.

    RispondiElimina
  12. Le tradizioni,sono sempre tradizioni... Deve essere golosissima :O

    RispondiElimina
  13. Che dolce delizioso e che carina e romantica la tradizione della fève. Mi piace molto scoprire usi e costumi degli altri paesi.

    RispondiElimina
  14. Mamma mia che bontà!! Sarebbe perfetta ora con il caffè ^^

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a e spero che tornerai a trovarmi... Merci d'être passé/e et j'espère que tu reviendras me voir.... ;-)